Recupero del Porto Antico di Genova

Recupero del Porto Antico di Genova

Il recupero urbano dell'area del vecchio porto di Genova è nato nel contesto delle celebrazioni per i cinquecento anni del viaggio di Cristoforo Colombo. Il progetto abbracciava una filosofia molto semplice: realizzare opere di valore permanente per la città, che fossero fruibili anche dopo la fine delle Celebrazioni Colombiane, riscoprendo la connessione tra la città e il suo porto, che il tempo aveva cancellato. Questo principio si è concretizzato in un intervento che comprendeva sia la ristrutturazione e il restauro di strutture preesistenti, sia la costruzione di nuovi edifici. Tra i primi troviamo i Magazzini del Cotone, costruiti all'inizio del Novecento, i quattro Magazzini Doganali del XVII secolo e il Millo, mentre le nuove costruzioni includono l'Acquario, gli uffici della Capitaneria di Porto, il Bigo e il Piazzale delle Feste. Gli interventi nell'area del porto sono continuati negli anni: nel 2001 fu costruita la Biosfera per ospitare l'impressionante collezione di felci del vivaio comunale e nel 2013 è stato realizzato l'ampliamento dell'Acquario con la nuova vasca per i cetacei.

Dati Progetto

Progettazione

1985 - 1988

Costruzione

1988 - 2001

Area del sito

116.500 m2

Superficie costruita

totale 90.000 m²

Edifici esistenti:

Magazzini del Cotone: superficie lorda: 42.770 m² lunghezza 391 m, Piano terra +3 piani+1piano tecnico, altezza 21m

Centro congressi: 1458 posti

Millo: superficie lorda 8570 m², 4 piani

Magazzini doganali: Superficie lorda 6.740 m², circa max 3 piani

Porta Siberia: superficie netta 570 m², altezza 15,9 m max

Nuove strutture:

Acquario: superficie lorda 13.000 m², altezza 24,2 m max, 3 piani

Bigo e Piazza delle Feste: superficie lorda 2.840 m²

Spina servizi: superficie coperta 5.160 m², 3 piani

Edificio Mandraccio: superficie lorda 2840 m²

Cinema: superficie lorda 6934 m², altezza 17,9 m max, 2 piani+1 piano tecnico, sala 1 284 posti, sale 2 e 3 124 posti, sala 4 106 posti, sala 5 115 posti, sala 6 253 posti, sala 7 436 posti

Biosfera: superficie netta 215 m², altezza 15,2 m

Credits

Cliente

Comune di Genova + Porto Antico SpA

Architetto

Renzo Piano Building Workshop, architects

Consulenti

Fase 1:Ove Arup & Partners (structural engineering for the Bigo); L.Mascia/D.Mascia, P.Costa, L.Lembo, V.Nascimbene, B.Ballerini, G.Malcangi, Sidercard, M.Testone, G.F.Visconti (other structures); Manens Intertecnica (building services); STED (cost consultant); D.Commins (acoustics); Scene (stage equipment); P.Castiglioni (lighting); M.Semino (supervisor of historic areas and buildings); Cambridge Seven Associates (aquarium consultant); Cetena (naval engineer); Origoni & Steiner (graphics); L. Moni (site supervision)

Fase 2: Ove Arup & Partners (services engineering and environmental studies for the Bolla); Rocca-Bacci & Associati, E.Lora (other building services); Polar Glassin System (structural engineering for the Bolla); B.Ballerini (other structures); STED, Austin Italia, Tekne (cost consultants); M.Gronda (naval engineer); P.Nalin (roads and associated infrastructure); Studio Galli (sewerage networks); P.Castiglioni (lighting); G.Marini, C.Manfreddo (fire prevention); P.Varratta (graphic design); Techint (consulting executive architect)

Curator for the Italian Pavilion exhibition: G.Macchi

Wind sculptures: S.Shingu

General contractor and Project Manager: Italimpianti